COME SCRIVERE

Consigli ed esempi su comescrivere ...

homepage ... corsiformazione ilcurriculum peramore ... dilavoro ... imoduli ... itemi latesi ininglese gliauguri

latesi
Annunci Google
 
Scrivere la tesi

Scrivere una tesi di storia
Le regole per la corretta stesura di una tesi di laurea
http://www.scrivere.palermoo.it/

Usare internet per srcivere la tesi
Consigli su come usare internet per scrivere la tesi
http://www.scrivere.palermoo.it/

Come non scrivere la tesi
Regole d'oro su come NON scrivere una tesi
http://www.scrivere.palermoo.it/

 
Annunci Google
Esempi di tesi

Scrivere una tesi di storia
Le regole per la corretta stesura di una tesi di laurea
http://www.scrivere.palermoo.it/

Usare internet per srcivere la tesi
Consigli su come usare internet per scrivere la tesi
http://www.scrivere.palermoo.it/

Come non scrivere la tesi
Regole d'oro su come NON scrivere una tesi
http://www.scrivere.palermoo.it/

 

 

 

COME SCRIVERE una tesi di laurea utilizzando internet

Annunci Google
Questa FAQ cerca di chiarire cosa possiamo trovare su Internet e ,in generale, come possiamo utilizzare Internet per scrivere la tesi di laurea.

Dato che Internet e' piena di spazzatura, non farei meglio a ignorarla?

    Potete anche ignorare Internet e lavorare usando i vecchi provati metodi ma lo fate a vostro rischio e pericolo. Questa generazione di studenti e' la prima ad avere a disposizione un mezzo cosi' potente. Quando confrontate Internet con le biblioteche tradizionali tenete conto che su Internet non ci sono bibliotecari che filtrano il materiale da esporre: per questo c'e' questa enorme quantita' di "spazzatura". Ma Internet e' innanzitutto un modo per contattare tutte le persone interessate a un certo argomento e da questo punto di vista e' unica . Alcuni materiali poi, possono essere trovati solo su Internet. Inoltre il materiale buono (come la spazzatura) e' in rapida crescita e in alcuni campi non potete fare a meno di Internet. Per questo Tim Berners Lee (l'inventore del Web) diceva che Internet a differenza dei cd-rom (e delle biblioteche) e' infinita!

Eco nel suo libro "Come si fa una tesi di laurea" distingue 5 fasi nel lavoro di tesi :

  1. la scelta dell'argomento
  2. la ricerca del materiale
  3. la schedatura
  4. la stesura
  5. la redazione definitiva
Ovviamente l'uso piu' importante di Internet e' nella fase 2 di ricerca del materiale, ma puo' Internet essere di aiuto anche nella scelta dell'argomento?

    Pensate a un titolo per la tesi e cercatelo su Internet. Cercate nei depositi di tesi dei lavori nel vostro campo.

E nella fase 3 di schedatura?

    Fate la schedatura su Internet. Cosi' facendo il vostro sito sara' classificato permettendo di contattare piu' facilmente gli esperti nella materia. Ci sono almeno 5 buone ragioni per procedere in questo modo:

  1. E' facile e divertente
  2. Basta usare un sito che offre spazio gratis come geocities
  3. Vi sara' di aiuto dopo la tesi
  4. Fate un servizio ad altri studiosi interessati al vostro campo
  5. Non necessariamente dovete lavorare online; potete mettere tutto su un dischetto e pubblicare il materiale nuovo di tanto in tanto.

Come posso usare Internet nella fase di stesura della tesi?

    Quando state scrivendo la tesi cercate le principali frasi presenti in essa su Internet (questo diventa facile come selezionare se scaricate il toolbar di Google o meglio ancora vi costruite il vostro toolbar).Potrete cosi' controllare,guardando altri esempi, la loro correttezza. C'e' qualche errore di ortografia? Sto usando questo termine in maniera corretta? (Per avere un'idea di quali servizi utili per la scrittura della tesi potete includere nel toolbar, cercate bookmarklet su Google e troverete decine di esempi pronti da scaricare.)

Perche' conviene usare Firefox/Mozilla se dovete fare moltissime ricerche?

    Firefox (o Mozilla che e' la sua versione piu' accessoriata) danno la possibilita' di configurare il proprio browser in modo da rendere la ricerca su decine di siti , semplicissima.
Qui le istruzioni in inglese: che ripeto in italiano vedendo come si fa per "google search" (il primo link):

  1. Cliccate col tasto destro sul link "google search" e selezionate "Bookmark link".
  2. Ora selezionate dal menu' "Bookmarks" "Manage Bookmarks"
  3. Nella finestra che compare ritrovate il link aggiunto e cliccate col tasto destro selezionando properties.
  4. Nelle "proprieta'" definite la "Keyword" come "gg" e date "Ok"
  5. Ripetete queste operazioni per tutti i servizi di ricerca che vi interessano.
  6. Quando ora volete cercare "parola" su Google, basta scrivere nella finestra "Address" "gg parola"
Alla lista del documento in inglese ho aggiunto questi servizi per lo piu' in italiano.

In che formato mi conviene scrivere la tesi in modo che sia facilmente accessibile anche online?

    Le tesi vengono ancora stampate per cui e' necessario scegliere innanzitutto un formato che permetta una stampa perfetta. Questo,al momento attuale,significa quasi sempre Word ( o l'equivalente OpenOffice su macchine Linux). Solo se usate pesantemente la notazione matematica dovete ricorrere a Latex. Ambedue le alternative permettono di fare una versione online senza problemi. Nel caso di Word potete salvare il testo come HTML. Nel caso Latex potete trasformare la tesi in formato pdf.Potete considerare anche la possibilita' di creare piu' versioni online inclusa una zippata che non occupi molto spazio.Chi ha scritto la tesi in Latex puo' guardare questo Latex-pdf Howto per avere aiuto su come ottenere una copia perfetta in pdf.Sempre per chi ha scritto la tesi in Latex dovreste usare un programma "jpeg2ps" per convertire figure jpeg in ps prima di includerle. Scaricate il programma dalla rete dopo aver cercato con Google. In tal modo l'immagine occupera' pochissimo spazio.

Perche' dovrei mettere la mia tesi online col pericolo che sia copiata?.

    Se mi avete seguito finora avrete capito che sono favorevole a mettere tutto online con lo spirito con cui si producono i programmi open source. Dopotutto una tesi e' fatta per essere letta. Comunque questa e' una questione di gusti personali.Non mettendo la tesi online, la proteggete, ma quasi nessuno ne verra' a conoscenza. Nel caso decidiate di metterla online, potete includere con la tesi un avviso di copyright e dare anche delle istruzioni a chi volesse usare il materiale da voi prodotto.Potete vedere un esempio qui

In alternativa alcuni siti permettono la pubblicazione gratis online e il download a pagamento. Parte del guadagno viene dato all'autore della tesi. Nonostante non condivida personalmente il modo di procedere di questi siti, alcuni di essi permettono di cercare tra le tesi e di guardare parte del materiale gratis e questo puo' essere utile ad esempio per contattare personalmente gli autori di tesi interessanti. Uno di questi siti e' Tesionline.

Come si configura il problema del copyright se pubblicate la tesi online?.

    Qui la situazione e' complessa. Forse conviene guardare la politica seguita da una tipica Universita' americana che per ovvi motivi e' piu' avanti di noi.Il problema e' che la tesi appartiene sia allo studente che all'Universita'. La soluzione che alcune Universita' stanno adottando e' di fornire un servizio di pubblicazione elettronica simile alle case editrici delle grandi Universita'. Ad esempio questa organizzazione pubblica a partire da qualche anno le tesi di decine di Universita' e le puo' fornire (a pagamento)a chi le richiede. Questo all'estero. In Italia per ora esistono solo dei siti commerciali che ,senza nessun accordo con le Universita', cercano di guadagnare pubblicando tesi e fornendole a pagamento.

Qual'e' il miglior motore di ricerca da usare per ricerche su Internet?

    Questa domanda avra' risposte diverse col passar del tempo. La situazione dei motori di ricerca cambia in continuazione. Al momento attuale e' Google, ma in futuro quale sara'?Usate questa tabella per avere un quadro completo della situazione e soprattutto imparate a valutare voi stessi i vari motori di ricerca.

Perche' e' importante cercare anche tra i gruppi di discussione?

    Google permette di fare una ricerca anche tra i gruppi di discussione scegliendo "Gruppi" invece di "Web". Questo vi permette di ritrovare altre persone interessate al vostro stesso argomento e attraverso i loro messaggi avere un aiuto immediato. Oppure, potreste avere la possibilita', conoscendo il loro indirizzo email di contattare queste persone e averne un aiuto per posta elettronica. Ovviamente potete anche rivolgere una richiesta di aiuto a un gruppo come it.discussioni.universita.tesi-di-laurea o simili.

Altri interessanti servizi basati su comunita' online che fanno domande e rispondono alle stesse, sono: Google Answers e Yahoo Answers disponibile anche in italiano.

Cosa sono i blog e i news feed RSS?Come faccio a trovarne di interessanti per la mia tesi?

I blog (o weblog) sono diari online di solito intorno a un argomento principale.Se un'autorita' o anche un semplice appassionato dell'argomento della vostra tesi tiene un blog, la sua lettura potrebbe rivelarsi interessante anche perche' i blog sono aggiornati spesso ed hanno quindi notizie piu' aggiornate delle pagine web classificate. Da questo punto di vista competono con i gruppi di discussione e anche con la stampa. L'importanza crescente di questi blog puo' essere dedotta dal fatto che la rivista scientifica Nature ha pubblicato una lista dei migliori blog scritti da scienziati.

Voi stessi potete iniziare un blog sull'argomento della tesi.Basta iscriversi ai siti che permettono di creare un blog personale (anche Google lo fa ). E' la maniera piu' semplice di scrivere online.Quando avete qualche idea, la buttate giu' su un modulo collegato al sito, cliccate un tasto , e la vostra frase e' online! Come potete immaginare, il fatto che sia cosi' facile creare un blog implica anche che la maggioranza dei blog siano "spazzatura" addirittura ,in una percentuale notevole, creata automaticamente da programmi. Per questo i siti che vi permettono di cercare nei blog come technorati classificano i blog sia come popolarita' che come gradimento.Riuscire, col vostro blog, a scalare queste classifiche , vi permetterebbe di farvi conoscere dai vostri colleghi : cio' che puo' esservi utile quando si cerca lavoro dopo la laurea.

Comunque l'interesse dei blog (ormai milioni) per chi fa la tesi, deriva da un altro motivo. Molti di questi blog hanno un cosiddetto RSS news feed cioe' un particolare file (di solito indicato da un pulsante con la scritta RSS o XML) che contiene una lista sempre aggiornata delle ultime aggiunte al blog. Questo file e' presente anche in molti siti normali ed e' una specie di "What's new". Per sfruttare questi feed vi conviene iscrivervi a un sito come Bloglines e abbonarvi col suo aiuto a tutti i feed interessanti per la vostra tesi. La procedura e' semplicissima : si aggiunge un tasto al toolbar del browser ed ogni volta che trovate un sito interessante per la tesi ci cliccate sopra;Bloglines provvede a controllare se il sito ha un feed e se ce l'ha vi chiede se volete abbonarvi. Come fate a trovare siti interessanti per la vostra tesi con feed? Usate un motore di ricerca specializzato come technorati ,Google Blog Search e lo stesso Bloglines. In alcuni campi questa e' una maniera fantastica per tenervi aggiornati sulle ultime novita'.Tra l'altro anche alcune riviste cominciano a usare questo mezzo per informare sull'indice dell'ultimo numero: trovate una lista qui.

   

Cos'e' delicious e come puo essere utile per la mia tesi?

    delicious e' un sito che vi permette di gestire i vostri bookmark(preferiti).Invece di usare il tasto "add bookmark" del browser usate un tasto (che vi creerete dopo esservi registrati) "post to del.icio.us". Potete guardare i vostri bookmark o quelli di un altro utente usando l'indirizzo "http://del.icio.us/nomeutente". Ecco ad esempio i miei bookmark.

Quando registrate i bookmark gli assegnate una o piu' "tag" (parole chiave). Questo vi permette di classificare i vostri bookmark. Tutto questo puo' essere utile per la vostra tesi perche' e' una maniera semplice per gestire le centinaia di bookmark che probabilmente raccoglierete durante le ricerche. Ma fin qui niente di eccezionale. L'utilita' di delicious deriva dal fatto che voi potete avere una lista di tutti i bookmark con la stessa tag impostati da tutti gli utenti, con "http://del.icio.us/tag/parola_chiave". Otterrete una lista dei bookmark a partire dal piu' recente. Questa lista e' importante per sapere se ci sono novita' nel campo che vi interessa. Ancora piu' interessante e' il fatto che potete ottenere una lista dei bookmark piu' popolari con una stessa parola chiave usando "http://del.icio.us/popular/parola_chiave". Questa lista puo' darvi un'idea di quali sono le risorse piu' importanti nel campo che vi interessa. Ovviamente la cosa funziona bene solo se molte persone con i vostri stessi interessi usano delicious.

Un altro importante uso di delicious e' quello di scoprire quali sono le parole chiavi importanti nel vostro campo. Questo perche' delicious vi informa per ogni parola chiave , di quali sono le parole chiavi che di solito gli utenti usano assieme ("related tags").

Ad esempio ecco gli ultimi bookmark con le parole chiave physics , fisica e i siti piu' popolari con le stesse parole chiavi physics e fisica

In che lingua devo fare le ricerche?

    In inglese e in italiano. L'inglese e' di fatto la lingua di Internet e non potete farne a meno. Il 90% dei materiali di Internet sono classificati usando parole chiavi in inglese anche se non sono in inglese (pensate a immagini, animazioni , programmi, etc..). Se vi limitate a usare parole chiavi in italiano allora di fatto userete solo l'1% di cio' che e' disponibile (e' questa la percentuale tra documenti in Italiano e documenti in Inglese) rinunciando alla maggior parte delle risorse disponibili. Ricordatevi che non avete bisogno di imparare l'inglese alla perfezione ma solo di conoscere almeno le parole chiavi piu' importanti nel vostro campo in inglese. Se vi sentite a vostro agio , includete anche qualcuna delle altre lingue piu' diffuse come francese, tedesco e spagnolo.

E se mi servono risorse da una nazione particolare?

    Supponiamo che dovete fare una tesi dove avete bisogno di conoscere per esempio , la situazione in Spagna in materia di tasse familiari. La prima cosa da fare e' procurarsi una lista di motori di ricerca spagnoli. Specialmente utili sono i cataloghi in modo anche da imparare sfogliandoli, i termini tecnici usati dagli spagnoli riguardo all'argomento. Alcuni siti come indicateur vi danno questa informazione. Dovreste partire da termini specifici come "impuestos" "familia" "espana" e scoprire facendo ricerche sulla versione spagnola di Yahoo delle cartelle specializzate su Politica y gobierno>Fiscalidad. Queste possono costituire un ottimo punto di partenza per scoprire gli indirizzi di importanti organizzazioni.
Altro ottimo punto di partenza sono siti di giornali e reti televisive locali che permettono di fare la ricerca.Non e' difficile trovare liste di giornali di tutto il mondo.
Potete cercare le parole chiave di base nei gruppi di discussione spagnoli che trovate su Google raggruppati sotto es.Questo vi permette non solo di avere notizie di prima mano da parte di persone comuni ma anche di contattare qualcuno del posto per completare la raccolta delle informazioni.
Ovviamente si possono fare le ricerche direttamente su Google quando conoscete bene le parole chiave in spagnolo da cercare.Ma dovete tener conto che lo spagnolo viene parlato in molte nazioni.Ed allora come potete fare per restringere la ricerca alla sola Spagna? Il modo migliore e' quello di usare in Google la specifica site: . Ecco come si fa: nel catalogo di Google cercate di trovare gli indirizzi di grandi organizzazioni spagnole che vi possono interessare come le Universita'.L'Universita' Autonoma di Madrid che ha indirizzo www.uam.es vi sembra interessante. Cercate allora le vostre parole chiave con la specifica "site:uam.es"

E se mi servono notizie di un anno particolare?

    Il Web e' cominciato nel 1990 per cui e' difficile trovare materiale e/o notizie antecedenti questa data. Alcune grandi testate hanno archivi digitalizzati che ricoprono alcuni decenni, ma di solito sono accessibili a pagamento. Se fate una ricerca su Google Notizie i risultati non vanno oltre un mese prima.Il primo servizio a fornire notizie che risalgono fino alla fine del 1800 e' News Archive di Google.
Se fate una ricerca sul web usando l'anno come parola chiave e' interessante sapere che Google permette di dare un intervallo di anni (in effetti di numeri in generale) con l'operatore ... Ad esempio Enrico Fermi 1920..1930.

Come faccio a cercare tesi pubblicate su Internet su un dato argomento?

    Oltre all'argomento della tesi e' necessario indicare altre informazioni. Ecco un esempio di ricerca di tesi in italiano sulla psicoanalisi: psicoanalisi (laureando OR laureanda) "tesi di laurea" (relatore OR relatori) .
Sempre sulla psicanalisi ma in inglese:(dissertation OR "* thesis") intitle:thesis filetype:pdf psychoanalysis.

In quali usi ormai Internet e' insostituibile?

    Nel campo delle ricerche bibliografiche. Ormai tutte le maggiori biblioteche hanno i cataloghi online (questi sono detti in gergo OPAC).Ecco una guida alle ricerche bibliografiche su Internet. Google Scholar permette anch'esso di fare ricerche bibliografiche.

Come faccio a trovare le parole chiave giuste per fare la ricerca

    Semplice:procuratevi un articolo del tipo che vi serve (anche preso nella biblioteca) e cercate le parole dell'articolo!

Cosa faccio se ottengo TROPPI risultati?

  • Aggiungete una o piu' parole che descrivono cio' che cercate.
  • Usate frasi racchiudendo piu' parole nei doppi apici
  • Eliminate pagine che a voi non servono usando una parola chiave col segno - davanti.Ad. esempio: Monaco -Baviera.
  • Usando magari la ricerca avanzata, fate ulteriori selezioni sulla lingua, sulla data, sul sito , etc

Cosa faccio se ottengo pochissimi risultati oppure risultati irrilevanti?

  • Prova a eliminare qualche parola chiave.
  • Controlla l'ortografia!
  • Elimina i doppi apici se li stai usando nella tua ricerca.
  • Prova con un altro motore di ricerca o meglio ancora con un metamotore.Usa questa tabella.

Come si fa a giudicare l'autorevolezza di un documento ?Potete fidarvi dell'informazione in esso contenuta?

    Non esiste un metodo sicuro ma vari criteri dettati dal buon senso e piu' o meno validi a seconda del tipo di informazione:

  1. L'indirizzo della pagina e' un po' come la copertina delle riviste su carta:imparate a decifrarlo per capire da quale sorgente viene l'informazione.Grosso modo:se l'informazione viene da un sito autorevole dovrebbe essere autorevole.
  2. Il Pagerank di Google (appare nella toolbar) da un voto da 1 a 10 per ogni documento misurandone la popolarita'.Se cercate solo cio' che e' piu' popolare allora questa e' una valutazione efficace.Invece purtroppo la popolarita' non sempre e' collegata all'autorevolezza di una pagina su argomenti scientifici.
  3. Fate un controllo dell'informazione con altre pagine e in generale altre fonti.Sono tutte concordi?
  4. Vedete se il sito e' stato raccomandato da una fonte autorevole. Per ogni materia esistono dei gruppi di esperti che esaminano sistematicamente i materiali sul Web nel loro campo raccomandando le migliori risorse. Ad esempio l'Internet Scout Project per il materiale scientifico.
  5. Cercate di valutare voi stessi la pagina basandovi sull'aspetto della stessa.Ecco una checklist (in inglese) cui sottoporre una pagina. Una mancanza di coerenza, link non funzionanti, etc potrebbe essere un segno di non autorevolezza della stessa.Non bisognerebbe giudicare il contenuto dall'aspetto ma un aspetto "trasandato" potrebbe indicare informazione ormai obsoleta.
  6. Se siete abbastanza esperto della materia allora potete procedere a un esame sistematico facendo una recensione del materiale.Qui una lista di risorse se volete sobbarcarvi in questo compito.
  7. Per finire ricordate che la differenza tra leggere un'articolo su una rivista autorevole e leggerlo sul Web e' che ora il lavoro fatto dai recensori della rivista dovete farlo voi.

Una volta che si e' trovato qualche buon indirizzo, come si fa a trovare altri indirizzi utili?

    Quando andavo in cerca di funghi, avevo imparato un piccolo trucco:quando ne trovate uno, cercate intorno:quasi sempre ne troverete un altro! Su Internet questo si traduce con la seguente strategia: ogni volta che trovi un sito interessante, cerca su "google" "link:urldelsito" avrai cosi' una lista dei documenti che listano quel sito e che probabilmente ti metteranno in contatto con altro materiale interessante. Per esempio per trovare siti in italiano sulla didattica di fisica ho considerato il sito di "Physics 2000" tradotto in italiano facendo la seguente ricerca: Il risultato contiene alcuni indirizzi di pagine che collezionano materiale in italiano

Come si fa a cercare informazioni generali su un dato argomento?

    Se vi interessa avere un'introduzione generale a un argomento (vasto), allora dovete provare a cercare l'argomento in questione assieme a parole di solito presenti in una introduzione per principianti: "faq", "101", "tutorial", "introduction" , "introduzione" , etc. Se invece state cercando un manuale d'uso potete provare con "manuale" , " manual", "user guide" , "reference guide" ,"cheatsheet" , etc.

Come si fa a cercare informazioni specifiche?

    Esiste un trucco per cercare informazioni specifiche.Scrivete la frase che dovrebbe contenere l'informazione omettendo questa.Ad esempio per sapere quando e' nato Raffaele Nigro fate questa ricerca. Per sapere quando e perche' Fermi vinse il Nobel potete cercare questa frase.Quanto e' alto il Monte Bianco.
Usando i doppi apici e uno o piu' asterischi a indicare l'informazione cercata, funziona anche meglio:quanti abitanti ha Bologna
Cosi' se cercate informazioni su "attrattori strani" allora fate questa ricerca.Notate che la presenza del carattere + e' essenziale.Vi vengono tornate tutte le pagine in cui compare una definizione di attrattore strano.
Un altro caso:volete sapere che significa la sigla RTTI.

Attualmente Google aiuta in piu' modi questa ricerca di informazioni specifiche:(anche altri motori danno informazioni analoghe)

  • Scrivendo "define" come prima parola, vi viene tornata la definizione di cio' che segue ,se disponibile.
  • Nella lista delle parole cercate, alcune sono cliccabili:allora e' disponibile la definizione in un dizionario.
  • un'espressione aritmetica viene calcolata
  • numeri o sigle che si riferiscono a informazioni particolari possono risultare nel dare una risposta specifica: es. numero telefonico -> nome utente;sigla di un volo -> informazioni sul volo; indirizzo->mappa del vicinato.
Ricordiamo infine questa lista di Google Tools che puo' essere utile in alcuni casi. Anche se Google vi mette subito in contatto con i migliori servizi che su Internet hanno sostituito la vecchia enciclopedia, e' bene avere presente quali sono questi servizi:

Cos'e' la cache di Google e perche' e' cosi importante quando si fanno ricerche?

   Google memorizza una copia di tutte le pagine classificate. Questa copia e' accessibile attraverso la scritta "Cached".Questa copia, che potrebbe non corrispondere al documento originale, in quanto questo e' cambiato nel frattempo(passa circa un mese perche' Google si accorga dei cambiamenti), e' utilissima in varie circostanze:

  • Se il documento originale e' temporaneamente inaccessibile
  • Se volete vedere con esattezza dove sono presenti le parole chiavi cercate
  • Per recuperare un documento ormai inaccessibile sul sito originario

Oltre alla cache di Google , ci sono altri modi per recuperare documenti diventati inaccessibili?

    Si! La Wayback Machine vi permette di accedere a un archivio di Internet dove mese dopo mese viene salvata da alcuni anni una copia del Web. Utilissima per recuperare materiali che per qualche tempo sono stati online e poi sono spariti. Ma anche per ritrovare versioni precedenti di siti ancora in funzione. L'archivio e' stato costruito proprio per permettere agli studiosi di ricostruire la storia del Web.
Un'ultima tecnica per recuperare una pagina sparita e' semplicemente quella di cercare il nome del file contenente la pagina:se la pagina e' stata solo spostata, oppure e' disponibile presso un sito "mirror", allora in questo modo possiamo ritrovarla.

Perche' e' importante saper cercare altri tipi di files (oltre quelli classificati dai motori di ricerca) e come si fa?

    I motori di ricerca classificano solo documenti contenenti testo (per lo piu' html e solo ora pdf,word,etc). Alcuni tipi di files anch'essi contenenti testo non sono per niente classificati. Lo stesso vale per file contenenti altro materiale. Per certi tipi di tesi questo materiale non classificato e' ancora piu' importante di quello classificato. Esso si puo' ritrovare se e' collegato a pagine Web classificate. Ad es. Hotbot nella ricerca avanzata permette di specificare l'estensione di questi file che si ricercano.
Implicazioni per lo studente: Per la tua tesi ci sono materiali che possono essere contenuti in file con estensioni diverse da html?

Perche' i documenti in formato PDF sono cosi' importanti per la tesi e conviene sapere come cercarli?

    Il formato pdf permette di fare una copia perfetta di un documento cartaceo (cosa che un documento HTML non puo' fare) ed e' percio' usato per trasferire archivi cartacei in formato elettronico. Alcuni motori di ricerca cominciano a classificare questi documenti (Google) e quello che e' ancora piu' importante permettono di limitare la ricerca a questi documenti(su Google ad esempio basta aggiungere nella ricerca filetype:pdf). Questo permette di fare ricerche in materiali probabilmente di piu' alta qualita' rispetto alle normali pagine html.

Se la vostra tesi richiede dei files di tipo particolare non classificati , come si fa a cercarli?

    Esistono dei motori di ricerca specializzati per la ricerca dei files.Uno di questi e' ftpsearch di Alltheweb:ecco un esempio di ricerca di driver nvidia. Notate che dovete conoscere il nome del file(almeno in parte oppure dovete tirare a indovinare). Un'altra tecnica e' di usare un normale motore di ricerca e limitarsi solo alle pagine che contengono liste del contenuto di cartelle. Ecco un esempio su Google per l'argomento tarantella.

   

Riguardo alla ricerca di lavori recenti per la vostra tesi, e' vero che in alcuni campi tutti i lavori sono pubblicati su Internet?

    Si,questo e' uno dei segreti meglio tenuti di Internet. Ad es. nel campo della fisica delle alte energie 2 o 3 siti contengono tutto cio' che e' pubblicato ancora prima che sia su carta.

E' vero che molte riviste specializzate sono pubblicate anche in formato elettronico e accessibili a chi e' abbonato?

    Si. Se avete accesso a una biblioteca, informatevi di come sfruttare questa possibilita'.

Quanti libri ci sono su Internet?

    Esistono sul Web biblioteche digitali che mettono a disposizione gratis copie elettroniche di libri cartacei.Il numero di questi libri e' dell'ordine dei 100000 e sta aumentando costantemente. Se a questi libri online accessibili gratuitamente , si aggiungono quelli resi disponibili pagando da varie case editrici, allora si passa a parecchie centinaia di migliaia.Ovviamente la maggioranza di questo materiale e' in inglese.

E' possibile fare ricerche nel testo di questi libri online?

    In alcuni casi no. Anche a causa del formato inclassificabile o per la lunghezza. (Se un documento supera una certa dimensione, i motori di ricerca ne classificano solo la parte iniziale.) Ultimamente e' possibile attraverso Amazon e Google Books e altri servizi , fare ricerche (gratis) in oltre 100.000 testi. Amazon permette ,pagando, di leggere solo le pagine che interessano. Google ,a chi ha un account Gmail (ottenibile gratis) permette di leggere un numero limitato di pagine gratis per ogni testo.Per ora la maggioranza dei testi che si possono ricercare sono inglesi. Google e altre organizzazioni stanno portando avanti , con la collaborazione di alcune grandi biblioteche , un ambizioso programma di digitalizzazione di opere cartacee. I libri fuori copyright possono quasi sempre essere letti e magari scaricati senza problemi. Si veda in questo elenco di servizi e biblioteche digitali
Ecco un esempio di ricerca su visual thinking su Amazon. Ed ecco le 100 parole piu' usate in un testo come vengono riportate sempre da Amazon.

Cos'e' questo Web invisibile e perche' e' importante tenerne conto nel vostro lavoro di ricerca?

    Il Web invisibile e' formato da tutte quelle informazioni che per un motivo o per l'altro non sono classificate dai normali motori di ricerca. E' difficile stimarne le dimensioni ma queste sono almeno 100 volte quelle del Web normale. Solo una persona esperta nel campo specifico di vostro interesse puo' darvi informazioni su come accedere a questo materiale nascosto. Per questo motivo sono preziose quelle che vengono chiamate trailblazer pages cioe' pagine che elencano le risorse online in un dato campo che vengono scritte e aggiornate da un esperto del campo. Il vostro principale obiettivo deve essere di trovare tutte queste pagine nel vostro campo e alla fine diventare cosi' esperti da poter scrivere voi un documento di questo tipo.

Puoi dare qualche esempio di questo Web invisibile?

  • I database di abstract dei maggiori lavori di ricerca che vengono aggiornati da decine di anni.
  • Articoli di riviste o preprint disponibili solo sul sito dell'editore
  • Immensi database di immagini o altri dati raccolti da organizzazioni come la Nasa
  • Depositi di libri digitalizzati

Cosa deve contenere questa lista di risorse online, obiettivo principale della vostra ricerca

  1. Una lista di documenti Web trovati attraverso i principali servizi di ricerca
  2. Le mailing list , i gruppi di discussionee i blog sull'argomento
  3. la FAQ
  4. Una lista di documenti Web disponibili presso organi di informazione come catene televisive e testate giornalistiche.
  5. Una lista di documenti ritrovati attraverso i servizi di ricerca locali di grosse organizzazioni che lavorano nel campo prescelto.
  6. Le riviste specializzate disponibili online
  7. Materiale in formato non html (ad esempio immagini,documenti pdf, registrazioni sonore,spezzoni video,etc)
  8. Database online a pagamento e no(questi comprendono anche materiale degli ultimi 20 anni prima del Web raccolto da servizi online specializzati come Lexis-Nexis).
  9. Cataloghi di risorse cartacee
  10. Indirizzi web di istituzioni e indirizzi email di esperti e studenti che lavorano nel campo
(Notate come ,tranne 1, tutte le altre informazioni fanno parte di quel Web invisibile che come si e' detto e' ormai la schiacciante maggioranza dell'informazione online).

E' possibile con Internet fare a meno dei vecchi mezzi di ricerca come biblioteche, esperti e data base online?

Assolutamente no, ma e' diventata essenziale a chi deve fare ricerche di ogni tipo proprio perche' facilita l'accesso a queste risorse pre-web.
Ora infatti e' possibile col Web consultare cataloghi di biblioteche, reperire esperti e consultare database online.
Inoltre se siamo fortunati, possiamo anche trovare l'informazione che ci serve direttamente sul Web. Man mano che l'informazione online aumenta questa possibilita' diventa sempre piu' una realta'. Quelli che lavorano nel campo della ricerca delle informazioni conoscono benissimo le limitazioni di Internet ,ma ormai non rinuncerebbero ad essa per nessun motivo .
Mettiamola in questi termini: se c'e' qualche importante sorgente di informazione nel tuo campo di interesse, Internet te la fa trovare subito anche se questa e' un libro di testo che bisogna comprare o consultare.

E' facile copiare la tesi da Internet?

Si,in teoria e' facilissimo:basta un lavoro di copia e incolla ed il gioco e' fatto. Il problema e' che e' anche estremamente facile per il professore accorgersi della cosa: basta che cerchi una frase della vostra tesi e scopre il trucco.Tra l'altro ora esistono strumenti a disposizione dei professori per fare questo controllo in maniera automatica.Se poi riuscite a fare la copia senza che sia rilevabile da questi strumenti, allora piu' che di copia parlerei di assimilazione dell'argomento che e' una cosa buona:padroneggiate cosi' bene l'argomento da poterlo riscrivere con parole vostre.

Un'ultimo consiglio?

Un pericolo su Internet, e' di lasciarsi sedurre dal mezzo e invece di "cercare" mettersi a "navigare senza meta":perdere ad esempio un'ora per trovare un'informazione che ci sarebbe costata un minuto guardando in un libro che abbiamo a portata di mano. Per questo ecco un ultimo consiglio: compratevi un timer da cucina. Quando fate una ricerca fissate il tempo che volete dedicargli e se non ci riuscite passate ad altro!

Bibliografia

 

[fonte:http://www.ba.infn.it/~zito/corso/tesi.html]