COME SCRIVERE

Consigli ed esempi su comescrivere ...

homepage ... corsiformazione ilcurriculum peramore ... dilavoro ... imoduli ... itemi latesi ininglese gliauguri

itemi
Annunci Google
 
Scrivere il tema d'italiano

Consigli sul tema d'italiano
Come scrivere il tema d'Italiano
http://www.scrivere.palermoo.i/

Consiglil tema di pedagogia
Come scrivere il tema di pedagogia.
http://www.scrivere.palermoo.i/

Tema sui giovani
Esempio di tema svolto sui giovani d'oggi
http://www.scrivere.palermoo.it/

Tema sull'Unione Eurpea
Esempio di tema svolto sull'unione europea
http://www.scrivere.palermoo.it/

 
Tema sulla Guerra e sulla TV
Tema sulla Televisone e sulla Guerra
Esempi di temi svoltii.
http://www.scrivere.palermoo.it/
 
Temi svolti

L'amicizia
Tema svolto sull'amicizia
http://www.scrivere.palermoo.it/

L'Aborto
Temi sull'aborto
http://www.scrivere.palermoo.it/

Sviluppo economico
Temi svoli sullo sviluppo economico
http://www.scrivere.palermoo.it/

La droga
Temi svolti sulle droghe..
http://www.scrivere.palermoo.it/

Annunci Google
Temi di letteratura

Petrarca
Tema su Petrarca e il medioevo.
http://www.scrivere.palermoo.it/

Il giorno della civetta
Tema di letteratura sul Giorno della Civetta
http://www.scrivere.palermoo.it/

Orlando Furioso

Astolfo sulla Luna
Tema svolto sull'Orlando Furioso
http://www.scrivere.palermoo.it/

Temi Vari

Il giardino dei Finzi Contini
Tema di scuola superiore sul romanzo Il giardino dei Finzi Contini
http://www.scrivere.palermoo.it/

Eutanasia
Tema svolto sull'Eutanasia
http://www.scrivere.palermoo.it/

 
Prima Guerra Mondiale

La prima guerra mondiale
Tema sulla prima guerra mondiale
http://www.scrivere.palermoo.it/

 

 

COMESCRIVERE tema sul Petrarca


Petrarca

La letteratura del medioevo è stata segnata da alcuni grandi autori, questi sono Dante, Petrarca e Boccaccio. Se Dante è stato l’iniziatore della letteratura in volgare Boccaccio è stato colui che ha consacrata; Petrarca può essere definito come “traghetto” infatti fa da tramite tra il mondo medievale e quello umanista. Questa affermazione è giustificabile già da una conoscenza superficiale della vita poiché la dedizione verso il latino è tipicamente medievale mentre il culto dei classici è un caratteristica tipicamente umanistica.
Ora analizzeremo uno dei testi più importanti di Petrarca: “L’ascesa al monte ventoso”. Il testo narra di un escursione di Petrarca in compagnia del fratello sul monte Ventoso in Provenza. Da un pretesto terreno come un escursione in montagna Petrarca arriverà a porsi delle domande su se stesso che lo porteranno ad una profonda crisi esistenziale causata dal conflitto tra la sempre presente attrazione verso gli affetti terreni e la passione per la chiesa. Infatti questo suo conflitto interiore lo si ritrova già nella giovinezza del Poeta tanto è vero che egli pur avendo intrapreso insieme al fratello la carriera ecclesiastica, Petrarca abbandona questi studi per dedicare la sua vita alla letteratura. Petrarca per tutta la vita vivrà con il rimorso di questa decisione alimentata maggiormente dai voti presi dal fratello. Quest’opera dedicata al padre agostiniano Dionigi di Borgo San Sepolcro il quale dona a Petrarca una copia delle “Confessioni” di Sant’Agostino.
L’intera opera è scritta in chiave allegorica è racconta la scalata del poeta verso la vetta, vista come conquista della salvezza.
Analizzando attentamente l’opera si evidenziano alcuni passaggi chiave che ci fanno capire degli aspetti apparentemente nascosti dell’opera. Inizialmente il poeta ci da prova del suo dualismo tra medioevo e umanesimo inoltre da alcuni particolari è possibile comprendere l’ottima situazione economica dei fratelli Petrarca. Procedendo nella lettura del testo si evidenziano le difficoltà che incorrono nel ascesa del monte ma che con l’ostinazione vengono superate. Molte importante è la figura di un vecchio pastore che rappresenta la saggezza, egli consiglia ai due di non salire ma questi essendo giovani non seguono i consigli, anzi vengono invogliati maggiormente dal divieto.
Procedendo verso la vetta Petrarca cammina più lentamente e dinanzi a lui si interpongono molti ostacoli mentre la strada di Gherardo, il fratello, è meno impervia. Questa differente difficoltà non è altro che la raffigurazione dell’animo dei due.
L’anima di Petrarca appesantita dai peccati della vita terrena ha maggiori difficoltà nell’ascesa al monte mentre l’anima di Gherardo è più “leggera” poiché è purificata dai voti presi in seminario. Più avanti nel testo Petrarca afferma che le fatiche che si compiono che per arrivare alla vetta del monte Ventoso, pur essendo visibili non sono tanto dolorose quanto quelle interiori che l’animo deve compiere per arrivare alla salvezza.
Dopo aver letto attentamente questa epistola di Petrarca ed aver studiato la sua vita non posso far atro che riflettere su ciò che è accaduto a Petrarca. I suoi dubbi, le sue incertezze e le sue paure; sono ancora oggi presenti, in altra forma, nella vita di tutti giorni. Questo perché il contrasto tra l’amore per i beni terreni e la paura del giudizio dopo la morte pone il dubbio di cosa fare per salvarsi.

Annunci Google

TEMA DI ITALIANO
TIPOLOGIA A analisi e commento del testo poetico

AUTORE: Francesco Petrarca
OPERA: De volgarium rerum fragmenta
TITOLO: Erano i capei d’oro a l’aura sparsi

NOTA INTRODUTTIVA:
L’autore del sonetto, Francesco Petrarca, è nato ad Arezzo nel 1303 ed ha trascorso l’infanzia e l’adolescenza ad Avignone. L’autore ha avuto un’esistenza movimentata che lo ha portato a viaggiare per tutta Europa. Nel 1327 incontra Laura che non riuscirà mai a dimenticare.Compone varie opere in latino come “De Viris illustribus”, “Secretum”, “De vita solitaria”, anche se di dedica quasi esclusivamente al Canzoniere, opera composta da 366 liriche che trattano principalmente il tema dell’amore per Laura, ma che segnano anche un importante percorso psicologico dell’autore. Petrarca compone nove stesure diverse del Canzoniere e si dedica al continuo miglioramento dei versi fino al 1374 quando muore ad Arquà nei pressi di Padova.

1. COMPRENSIONE
1.1 Il tema centrale del sonetto è sicuramente quello dell’innamoramento del poeta. L’autore costruisce e definisce un’immagine femminile a cui è rivolto il suo amore, Laura, anche se non la descrive con caratteristiche fisiche o comunque oggettive. Il poeta ci da un’immagine vaga e luminosa della donna amata che in alcuni tratti sembra diventare quasi un’apparizione, uno spirito del cielo arrivato sulla Terra. Secondo me c’è un forte contrasto tra l’amore del poeta e la donna da lui amata. Infatti sembra quasi che queste due figure appartengano a due mondi diversi e non entrino in relazione fra loro. L’amore di Petrarca non è ricambiato da Laura, che sembra assumere maggiormente il ruolo di figura statica e quasi estranea al poeta e soprattutto all’amore di quest’ultimo. E’ molto efficace anche la contrapposizione del poeta sul presente e passato rispetto a Laura e al cambiamento che ha subito nel tempo. In questo sonetto il poeta descrive la luce che un tempo l’amata aveva negli occhi che ora non vede più, nota anche l’espressione di pietà che assume il suo viso
2.ANALISI E COMMENTO
metrica:
Il sonetto è formato da 2 quartine e da 2 terzine.
La rima delle quartine è incrociata (ABBA), mentre le terzine presentano rime in forma sciolta (CDE e DCE). L’autore usa figure retoriche come una similitudine nel verso 1 per descrivere i capelli di Laura, una sinestesia nel verso 2 (dolci nodi), un’iperbole nel verso 2 (che mille dolci novi gli avolgea), un’anafora che Petrarca utilizza nel verso 3 e continua nel verso 5 per dare enfasi e maggiore vigore al suo sentimento oltre che al sonetto. Le figure retoriche utilizzate dal poeta sono fondamentali e conferiscono al sonetto sfumature particolari e indispensabili.


2.1 La metafora che il poeta compone nell’ultimo verso è molto efficace e letteralmente il suo significato è che una ferita provocata da una freccia non guarisce nemmeno se si allenta la corda dell’arco che l’ ha scagliata. Con questo il poeta vuole dire che il suo amore per Laura non cambierà mai anche se negli anni l’ aspetto dell’amata cambierà e non sarà più dotata della grazia e della bellezza originari. Il poeta vuole anche ribadire che il suo amore per Laura non avrà mai fine anche se quest’ultima non corrisponderà il suo sentimento.

2.2 Il discorso che il poeta vuole esprimere all’interno del sonetto si estende nei versi in forme equilibrate e simmetriche. Il cambiamento delle forme verbali (passato e presente) e l’alternanza di queste rappresenta due diversi momenti della vita del poeta. Usando tempi verbali al passato Petrarca descrive come era il suo amore per Laura, ma anche come si presentava e come appariva la stessa in un periodo lontano al momento in cui l’autore compone il sonetto. Utilizza invece il presente quando descrive il cambiamento dell’amata, sia nell’aspetto fisico che nell’atteggiamento nei suoi confronti.

2.3 Nelle quartine il ritmo della poesia è molto lento e spezzato dalla presenza consistente di punteggiatura. In queste due strofe l’unità metrica coincide con l’unità logica e quindi non sono presenti enjambement.
Al contrario le due terzine presentano un ritmo più scorrevole e veloce, nelle quali si nota che unità metrica e unità logica non coincidono per la presenza di alcuni enjambement nei versi 9-10 (Non era l’andar suo cosa mortale ma d’angelica forma) 10-11 (e le parole sonavan altro che pur voce umana) e nei versi 12-13 (Uno spirto celeste, un vivo sole fu quel ch’i vidi). Le due terzine rimangono divise da un punto e un punto e virgola che marcano lo stacco e il cambiamento di strofa.

3.APPROFONDIMENTI
3.1 Gli elementi della concezione stilnovista sono rappresentati nel sonetto dall’amore per Laura.
Il dolce stil novo definiva l’amore come contemplazione e lode delle virtù di una donna che assumeva le sembianze di un’entità celeste, la cosiddetta “donna-angelo”. Questo nuovo modo di fare poesia però non trascurò l’ aspetto negativo dell’amore che vedeva prendere forma nello sgomento e nell’angoscia che l’innamorato provava quando si rendeva conto che l’amata era per lui irraggiungibile. L’amore veniva concepito anche come un’elevazione dello spirito che permetteva di avvicinarsi a Dio e aspirare alla salvezza divina, anche questo era uno dei motivi per cui l’uomo aspirava all’amore della donna-angelo.
Nel suo sonetto Petrarca riprende molti elementi del dolce stil novo quali l’amore per Laura che rappresenta come una creatura divina per lui quasi irraggiungibile. La visione del poeta dell’amata rappresenta una rievocazione della memoria.
Tutto il sonetto contrappone il passato caratterizzato dalla visione luminosa di Laura a un presente in cui essa è svanita e irrimediabilmente mutata. Non viene più raffigurata come una creatura divina e irraggiungibile, ma sembra quasi sfiorire e assumere fattezze più umane.In alcuni tratti quindi il poeta si allontana dalla concezione stilnovista per la contrapposizione che pone tra presente e passato. Laura cambia e non rispecchia più l’ideale di donna angelo, anche se comunque nel poeta rimane sempre vivo l’amore per lei dimostrando che il suo sentimento è più forte del trascorrere degli anni.

3.2
La lirica di Petrarca può essere paragonata alla poesia di Dante, soprattutto nella “Vita Nuova”, opera in sono presenti liriche con elementi prevalentemente stilnovisti, anche per quanto riguarda l’amore e la donna. Un elemento fondamentale però che differenzia questi due autori è il fatto che la donna descritta da Dante è più statica, mentre la donna di Petrarca è più dinamica e “mobile”. Questo è dovuto anche al fatto che Dante nelle sue liriche utilizza il tempo presente, mentre Petrarca alterna il presente e il passato, contrapponendo la figura dell’amata in due momenti diversi della sua vita.

3.3
Il tema dell’amore viene trattato da molti autori, uno di questi, che ha dato a questo sentimento un ruolo da protagonista nella sua opera è Giovanni Boccaccio. Questi due autori pur avendo vissuto nello stesso secolo ed essendo d’accordo sul fatto che l’amore è un elemento fondamentale nella vita degli uomini interpretano e vivono questo sentimento in modo completamente diverso.
Mentre per Petrarca l’amore è una sorta di “religione” in cui la donna amata viene vista quasi come una figura astratta e distaccata anche se molto desiderata, Boccaccio descrive questo sentimento in modo più bizzarro e disinibito, come un sentimento caratterizzato da forti emozioni e piaceri decisamente terreni. Boccaccio raccontando nel “Decameron” vicende di vita quotidiana forse ci fa sembrare anche le storie d’amore da lui narrate più vicine a noi, mentre l’amore di Petrarca ci può apparire più distaccato e quasi un privilegio di pochi.
Un altro autore che parla d’amore è Dante che racconta il suo amore per Beatrice. Anche Dante come Petrarca segue gli elementi che caratterizzano il “dolce stil novo” e descrive l’amata come un’entità divina, la famosa “donna-angelo” tanto enfatizzata e desiderata da questo stile letterario e i suoi seguaci.

3.4
La lirica “Erano i capei d’oro a l’aura sparsi” non si differenzia per i tema a quelli che solitamente il poeta tratta. I temi principali che Petrarca tratta nella sua opera di maggiore rilievo, il Canzoniere, sono quelli dell’amore, e più nello specifico del momento dell’innamoramento, della rievocazione dell’amata, della speranza che il sentimento dell’autore sia ricambiato, tutti temi sono presenti anche nella lirica presa in esame.
In particolare in questo sonetto l’autore avverte fortemente il trascorrere del tempo che si riflette anche sull’amore e sull’amata. Petrarca infatti descrive lo sfiorire della bellezza di Laura dovuto principalmente al passare inesorabile del tempo, anche se comunque precisa che l’attenuarsi del fascino non significa necessariamente la mitigazione del suo amore. Nella lirica emerge lo stato d’animo dell’autore che si sente rifiutato da Laura e i sentimenti contrastanti che prova. Laura rappresenta per il poeta un sentimento assoluto, qualcosa di astratto lontano da cose materiali terrene, qualcosa che è in grado di elevare lo spirito del poeta.
Il poeta subisce una forte crisi psicologica dopo la morte prematura di Laura, anche se questo sonetto non ne è toccato direttamente visto che il periodo in cui è stato composto è antecedente alla morte della stessa.

RELAZIONE SUL ROMANZO DI ALBERTO MORAVIA: AGOSTINO

IL ROMANZO NARRA L’INCONTRO DI UN RAGAZZO TREDICENNE DI BUONA FAMIGLIA, CON IL PROBLEMI DEL SESSO. LA STORIA SI SVOLGE IN UN INDETERMINATO PERIODIO ESTIVO; NEI PRIMI GIORNI D’ESTATE AGOSTINO E SUA MADRE VANNO AL MARE, AGOSTINO IN APERTURA CI APPARE FIERO E GELOSO DELLA MADRE, ORMAI VEDOVA.
ALCUNI GIORNI DOPO LA MADRE D’AGOSTINO CONOSCE UN GIOVANE CON CUI AVRA’ UN LEGAME SENTIMENTALE. CIO’IRRITA MOLTO AGOSTINO CHE COL PASSARE DEL TEMPO FA CRESCERE DENTRE DI SE UN ODIO CONTRO LA MADRE. AD AIUTARE LA CRISI DEL RAGAZZO C’E’ UN’ALTRO FATTO CHE CAMBIERA’ RADICALMENTE LA VITA DI AGOSTIN0: L’AMICIZA CON BERTO, TORTIMA E AD ALTRI RAGAZZI DI BASSO CETO SOCIALE. QUEST’AMICIZIA E’ L’INIZIO DELLA VITA SESSUALE DI AGOSTINO, INFATTI DALLA BANDA DEI RAGAZZI, ATTAVERSO GESTI ESPLICITI MIMICI DELL’ ATTO SESSUALE, (SOGGETTO DEI MIMI SARA’ LA MADRE DI AGOSTINO, CHE VERRA’ PRESA COME SPUNTO PER OFFENDERE AGOSTINO) AGOSTINO VERRA’ A CONOSCENZA DELLA REALTA’ DEL SESSO CHE ERA RIMASTA SEPOLTA A CAUSA DEL SUO ALTO CETO SOCIALE.
IN SEGUITO AD AGOSTINO TUTTO PARRA’ INSPIEGABILMNETE DIVERSO, OGNI GESTO DELLA MADRE CHE ORA E’ ALLO STESSO UNA DONNA, VERRA’ ACCOMPAGNATA UNA FANTASIA EROTICA, MA CIO’ E’ SPIGABILE PERCHE’ E’ L’UNICA DONNA CHE AGOSTINO ABBIA MODO DI AVVICIANARE.
ALLA FINE DEL ROMANZO SARA’ QUESTA LA CAUSA CHE LO SPINGERA’ AD ANDARE IN UNA CASA DI INCOTRI, IN COMPAGNIA DI UN AMICO. ALLA FINE AGOSTINO VERRA’ RESPINTO A COSI’ CADRA DINUOVO NELLA SUA SOLITUDINE ADOLOSCENZIALE, ANCHE SE IL ROMANZO FINISCE SENZA UNA SOLUZIONE.